Home / News / Addominali con la chirurgia plastica







Chi non ha mai desiderato avere degli addominali a tartaruga ma magari e’ sempre stato cosi’ pigro da non darsi la pena di fare ginnastica e mangiare in modo sano? Esiste una tecnica che promette dei buoni risultati….ma e’ davvero cosi’?

L’Abdominal Etching, o anche Ab etching, e’ una procedura di chirurgia plastica che e’ stata inventata all’inizio degli anni 90 dal chirurgo Henry A. Mentz, III che utilizza una speciale cannula per “ritagliare” e dare forma al grasso addominale dando ai pazienti un ventre piu’ piatto e scopito. La procedura rimuove selettivamente una piccola porzione di frasso che ricopre i contorni naturali della muscolatura del ventre scolpendo l’addome e creando un contorno piu’ atletico.

 

Prima dell’intervento vero e proprio il chirurgo delinea dettagliatamente il contorno della muscolatura ed elimina il grasso in eccesso. Tale procedura tuttavia scopisce maggiormente chi ha gia’ una sottostruttura muscolare abbastanza rifinita.

Durante l’operazione vengono fatte piccole incisioni che seguono il naturale contorno degli addominali, questo aiuta a minimizzare le cicatrici post chirurgiche. Il grasso viene rimosso da alcune zone e riposizionato dando la forma di un addome piu’ scolpito.

 

Una falsa scorciatoia, in realtà: dal Simposio dell’Isaps svoltosi  a Firenze con il congresso Aicpe (Associazione italiana di chirurgia plastica estetica)  arriva una netta condanna nei confronti di questa tecnica poiche’ sul lungo periodo questa metodica potrebbe portare ad altra tipologia di problematiche: il rischio pazienti operati una volta reingrassati avranno un addome globoso con una falsa tartaruga rendendo il risultato ridicolo.

Palestra e dieta quindi restano ancora le sole vie sane e percorribili per un risultato duraturo.