Home / Articoli / Gli interventi di chirurgia plastica mutuabili







Chi ha pensato di farsi un ritocchino ha sicuramente accarezzato l’idea di poter addebitare le spese al Servizio Sanitario Nazionale.
Tuttavia ci sono riusciti in pochi per un semplice motivo: il ssn rende possibile questa via solamente a precise condizioni e cioe’ che l’operazione non abbia solamente uno scopo estetico ma che lo scopo principale sia legato alla funzionalita’.
Ne deriva quindi una lunga serie di operazioni mutuabili che pero’ derivano da problematiche relative a malformazioni o patologie oppure come risultato di traumi piu’ o meno gravi.

 

Un esempio lampante è quello della rinoplastica rispetto alla settoplastica, trattamenti che riguardano entrambi il naso. L’intervento di settoplastica (correzione del setto nasale deviato con le conseguenti difficoltà respiratorie) e’ mutuabile perche’ coinvolge il miglioramento funzionale del naso mentre la rinoplastica (correzione dei difetti estetici del naso) non lo e’ perche’ e’ una operazione eseguita solamente a fini estetici.

 

Di seguito una lista piu’ dettagliata di quali sono le operazioni di chirurgia plastica che si possono realizzare gratuitamente perche’ mutuabili:

 


 

  • esiti di malformazioni (acquisite o congenite)
  • traumi (come incidenti o ustioni)
  • labbro leporino
  • asimmetrie mammarie importanti
  • seno tuberoso
  • gigantomastia
  • ricostruzione del seno dopo un intervento di mastectomia
  • interventi su obesi (per esempio l’addome pendulo)
  • orecchie a sventola (quando nei bambini  l’inestetismo causa problemi psicologici)
  • rinosettoplastica (correzione del setto nasale deviato)
  • ricostruzioni a seguito di tumori

 

Quasi sempre gli interventi in convenzione  vengono eseguiti presso gli Ospedali pubblici o oppure presso strutture private come convenzionate e accreditate.